intel core cpu
Curiosità

Intel Coffee Lake Refresh: in arrivo i Core di nona generazione

Con il ritorno di AMD, il mercato delle CPU ha subito un risveglio: la stessa Intel si era arenata, proponendo per due anni consecutivi dei semplici refresh sovraprezzati dell’architettura Skylake, lanciata nell’ormai lontano 2015. La causa di questo “fermo sviluppo” è stata principalmente l’assenza prolungata di AMD dal mercato CPU, che ormai andava avanti dal 2011, rendendo di fatto Intel l’unico player che proponeva un minimo di innovazione.

Con il lancio da parte di AMD delle nuove CPU Ryzen nello scorso 2017, ha dato una scossone al mercato CPU, facendo risvegliare la competitività che ha sempre reso Intel ed AMD due grandi aziende. Con il lancio di Coffee Lake Intel ha interrotto il ciclo di refresh, presentando una microarchitettura migliorata, con consumi ridotti, permettendo alla linea di processori Intel Core ULV di disporre di chip Quad-core che non andavano in contrasto con le specifiche ultrabook della stessa Intel.

INTEL CORE DI NONA GENERAZIONE IN ARRIVO A BREVE

intel core cpu

A breve, Intel dovrebbe introdurre la serie di processori con nome in codice Coffee Lake Refresh, che non porterà miglioramenti architetturali e/o prestazionali, ma si occuperà soltanto di ottimizzare l’architettura già esistente, adottando per le CPU di fascia alta, una nuova interfaccia termica tra Die e Heat spreader. Finora Intel ha utilizzato, come interfaccia termica, un semplice strato di pasta termica tra Die e Heat spreader, scelta che è stata da molti criticata per essere ormai inefficiente, mentre AMD con Ryzen ha deciso di utilizzare un approccio più innovativo.

Il Die delle CPU Ryzen è fisicamente saldato allo Heat spreader, rimuovendo così uno strato di interfaccia termica, facilitando il trasferimento del calore, e quindi la sua conseguente dissipazione. Intel sembra aver tratto ispirazione da AMD, introducendo il concetto di STIM (Solder Thermal Interface Material), che verrà implementato appunto sulle CPU di fascia alta (secondo i documenti Intel, CPU da almeno 8 core), aumentando la capacità di trasferimento termico dei processori.

Attualmente non sappiamo se in realtà la nuova tecnica STIM verrà implementata soltanto sulle CPU Core i7-9700K (8 core senza Hyper Threading) e Core i9-9900K (8 core con Hyper Threading), o se verrà estesa anche a Core i5-9600K (6 core senza Hyper Threading). Secondo Intel, STIM permetterà di overcloccare in maniera più affidabile, beneficiando del miglior trasferimento termico, permettendo probabilmente di infrangere nuovi record di overclock, anche vista la frequenza turbo di default di Core i9-9900K che è un misero (ironicamente parlando) 5 GHz.

La nuova Line-up Coffee Lake Refresh dovrebbe essere così formata:

  • Core i9-9900K: processo produttivo 14 nm++, 8 core e 16 thread, frequenza base di 3.6 GHz e massima Turbo 5.0 GHz, cache da 16 MB e TDP di 95 watt.
  • Core i7-9700K: processo produttivo 14 nm++, 8 core e 8 thread, frequenza base di 3.6 GHz e massima Turbo di 4.9 GHz, cache da 12 MB e TDP di 95 watt.
  • Core i5-9600K: processo produttivo 14 nm++, 6 core e 6 thread, frequenza base di 3.7 GHz e massima Turbo di 4.6 GHz, cache da 9 MB e TDP di 95 watt.
  • Core i5-9600: processo produttivo 14 nm++, 6 core e 6 thread, frequenza base di 3.1 GHz e massima Turbo di 4.5 GHz, cache da 9 MB e TDP di 65 watt.
  • Core i5-9500: processo produttivo 14 nm++, 6 core e 6 thread, frequenza base di 3.0 GHz e massima Turbo di 4.3 GHz, cache da 9 MB e TDP di 65 watt.
  • Core i5-9400: processo produttivo 14 nm++, 6 core e 6 thread, frequenza base di 2.9 GHz e massima Turbo di 4.1 GHz, cache da 9 MB e TDP di 65 watt.
  • Core i5-9400T: processo produttivo 14 nm++, 6 core e 6 thread, frequenza base di 1.8 GHz e massima Turbo di 3.4 GHz, cache da 9 MB e TDP di 35 watt.
  • Core i3-9100: processo produttivo 14 nm++, 4 core e 4 thread, frequenza base di 3.7 GHz, cache da 6 MB e TDP di 65 watt.
  • Core i3-9000: processo produttivo 14 nm++, 4 core e 4 thread, frequenza base di 3.7 GHz, cache da 6 MB e TDP di 65 watt.
  • Core i3-9000T: processo produttivo 14 nm++, 4 core e 4 thread, frequenza base di 3.2 GHz, cache da 6 MB e TDP di 35 watt.

Inoltre Intel ha deciso di rendere disponibili i processori da 8 core (i7 ed i9) per le piattaforme mainstream, ed infatti essi potranno essere installati su qualsiasi scheda madre con chipset della serie 300, rendendo disponibile ad un pubblico più numerose le ultime novità.

Via: Tom’s Hardware

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più