Curiosità

Huawei Nova 3 fa foto da reflex, ma c’è il trucco

Ormai si sa, Huawei non è mai stata del tutto onesta con i consumatori per quanto riguarda le proprie campagne pubblicitarie, ricordiamo infatti gli episodi di P8 e P8 Max dove Huawei aveva rimosso gran parte delle cornici del display con una tecnica di fotoritocco, oppure i sample fotografici di P9, che in realtà erano stati fotografati con una reflex del valore di parecchie migliaia di euro.

Il famoso brand cinese sembra essere di nuovo caduto nel baratro della pubblicità ingannevole, spacciando delle foto scattate con una reflex professionale per degli scatti raccolti con il nuovo Huawei Nova 3, il medio-alto di gamma di recente presentazione – leggi anche Huawei Nova 3 Ufficiale in Cina – Mid Range interessante ma arriverà in Italia?  per saperne di più riguardo Huawei Nova 3.

HUAWEI NOVA 3 SCATTA COME UNA REFLEX, MA C’È IL TRUCCO

spot selfie huawei
Immagine dei retroscena dello spot | Evosmart.it

Nel caso dei fake sample di P9, Huawei era stata scoperta grazie a dei dati EXIF residui recuperati dalla foto postata su Google+, che avevano evidenziato il modello della fotocamera che aveva scattato le foto effettivamente. Questa volta invece, non è stato necessario risalire ai dati EXIF della fotocamera, in quanto Sarah Elshamy, l’attrice coinvolta nello spot di Huawei Egypt, ha pubblicato sul suo account Instagram una foto che ritraeva una fotocamera DSLR professionale posta su di un cavalletto che imitava la posizione della mano dell’uomo del video mentre cerca di scattare il selfie.

Nella foto si può notare come l’uomo stia effettivamente cercando di “mimare” la posizione da selfie estendendo il braccio in avanti, ma nella sua mano non c’è assolutamente nulla. C’è da dire però, che Huawei non ha mai dichiarato che gli scatti mostrati nello spot siano realmente quelli acquisiti da un Nova 3, ma ciò che il pubblico raccoglie da uno spot in questo format, è proprio questa sensazione.

huawei fake sample
Retroscena spot Huawei Nova 3 | Evosmart.it

Conoscendo i trascorsi di Huawei, possiamo aspettarci a breve una risposta, probabilmente simile a quella relativa ai fake sample di P9, dove dichiarava che “la fotografia era stata scattata durante un filmato professionale che ritraeva P9, ma che si trattava di un’immagine per ispirare gli utenti della propria community”.

Sinceramente credo che questo approccio sia completamente disonesto, dal momento che il pubblico non può sapere che lo scatto non è stato catturato tramite uno smartphone, e quindi si aspetta delle prestazioni fotografiche di un certo livello che poi, alla fine, non sono quelle che lo smartphone è in grado di fornire.

Fateci sapere qua sotto nei commenti che cosa ne pensate di questa situazione e se, secondo voi, Huawei si è dimostrata disonesta nelle proprie pubblicità

Via: AndroidPolice

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più